Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gilardino: “Voglio dare continuità al momento positivo”

gilardino

In occasione della vigilia della sfida con il Benevento, il tecnico rossoblù ha parlato nella consueta conferenza stampa

Meno di 24 al fischio d’inizio della sfida del Vigorito tra Benevento e Genoa: gara valida per la seconda giornata del girone di ritorno e match tra due squadre che lottano per obiettivi antistanti. I rossoblù cercheranno i tre punti per avvicinarsi al vertice della classifica, mentre i giallorossi lo faranno per allontanarsi dalle zone più basse. Queste le parole di Gilardino nella conferenza stampa della vigilia.

SUL MATCH: “Ci aspetta una squadra ferita, una squadra che non sta attraversando un ottimo momento nonostante abbia molte qualità nei singoli. È una squadra costruita per altre zone di classifica. Voglio che i ragazzi si sacrifichino, lottino sulle seconde palle e si propongano spesso”.

SU CANNAVARO: “Sono contento di ritrovare il capitano, abbiamo vissuto momenti fantastici e ora ci ritroviamo da avversari. Devo pensare alla mia squadra e dare continuità al momento positivo che stiamo vivendo”.

SULLA GARA COL VENEZIA: “Abbiamo analizzato la partita e fino al 35esimo non abbiamo subito nel gestire la gara, poi hanno preso fiducia dopo una loro azione e noi siamo venuti meno. Siamo stati bravi a saper soffrire, dobbiamo farlo ma essere anche in grado di saper offendere e creare situazioni. Con il gioco dobbiamo sopperire alle situazioni di svantaggio che possiamo avere contro le squadre che incontreremo. Abbiamo grandi qualità”.

SULL’ASSENZA DI BANI: “Abbiamo un’ampissima scelta per sostituirlo, abbiamo giocatori affidabili ed è fondamentale che i difensori lo siano. Potrebbero giocare sia Ilsanker, che Vogliacco che Matturro. Ma questa è una scelta che farò domani. L’importante è che siano concentrati”.

SULLA SCELTA DEL MODULO: “È determinato da alcune situazioni che nascono a gara in corso. Lo dipende magari la squadra avversaria, ma dobbiamo avere dei principi che ci garantisca di poter cambiare. Se giochiamo a 3 abbiamo un certo tipo di atteggiamento diverso da quando giochiamo a 4”.

SU UN CENTROCAMPO FRENDRUP, STROOTMAN E BADELJ: “È un’idea e non penso possano pestarsi i piedi tra loro, perchè sono giocatori di qualità. Ho tanta scelta in mezzo al campo, basti pensare anche a  Galdames, Sturaro e Jagiello. Tutti giocatori importanti che per scelte possono trovare meno spazio. Avere in partenza tre giocatori importanti che partono dall’inizio e altrettanti che possono subentrare mi da tanta forza”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News