Calcio Genoa
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gilardino: “Felice, ma lasciare fuori qualcuno non mi fa dormire”

Tutte le dichiarazioni del tecnico del Grifone Gilardino dopo la bella vittoria del Genoa contro l'Udinese

gilardino

Le parole di mister Alberto Gilardino ai microfoni di Dazn nell’immediato post partita di GenoaUdinese 2-0.

SULLA PARTITA. “Felice per la prestazione e per l’atteggiamento della squadra, sapevamo che non sarebbe stata una partita così scontata e così semplice, perchè l’Udinese è una squadra strutturata e di giocatori di gamba e di buona individualità. Noi però abbiamo avuto la pazienza e la tranquillità di creare i presupposti per fargli male. In una prima parte abbiamo cercato di scardinare le linee dell’Udinese e ci siamo riusciti con movimenti e rotazioni, lavorando negli spazi. Abbiamo preso calci d’angolo, li abbiamo messi lì e l’abbiamo sbloccata. Da lì in poi abbiamo fatto una buona gara, con coraggio di fare il secondo gol e i presupposti per fare il terzo“.

SU RETEGUI. “Se è in queste condizioni di autostima fisica e mentale è un giocatore forte e con margini di miglioramento importanti. È anche per me una candidatura forte per la maglia della Nazionale.  Lui vive l’area da vero bomber, ci soffermiamo spesso nel gioco aperto, nella manovra, dove secondo me ha margini di miglioramento. Stiamo cercando di pulirlo nel controllo, nella marcatura, nel passaggio e si stanno vedendo i risultati. Dentro l’area è uno che sente la porta, sia di spalle che nell’attacco laterale, quindi deve solo continuare a migliorarsi, avere fame, da qui alla fine deve essere un crescendo per lui“.

SUL GRUPPO E IL SUO LAVORO. “È un lavoro che arriva da lontano, dall’anno scorso. Abbiamo mantenuto parecchi giocatori dalla scorsa stagione, con diversi innesti di valore. Abbiamo lavorato sullo spirito di squadra abbinata alle situazioni fisiche e tecniche. Credo di inculcare una mentalità alla squadra, sia tecnico tattica, nel modo di giocare, nei principi, e nella volontà di migliorarsi di ogni giocatore. Credo di tenere tutti sul pezzo e tutti motivati, tutti dentro, è complicato ed è una situazione a cui penso giorno e notte. Ho giocatori importanti che spesso devo lasciare fuori, non è semplice, sono legato a loro anche umanamente, mi fa dormire poco la notte ma lo devo fare per il bene della squadra. Se riesci a tenere dentro più giocatori ne beneficia la squadra“.

SULLA PIAZZA. “Essere riusciti a creare questo legame forte con la nostra gente è importante e meraviglioso, merito dei ragazzi che scendono in campo e si esprimono come stasera“.

SULLA SALVEZZA. “Io ieri ho detto che ci servono 42 punti, dobbiamo pensare a migliorarci e lavorare, arrivano partite con l’Inter, col Monza e con la Juve. Ho fatto i complimenti ai ragazzi, gli lascio giorni liberi ma dobbiamo tenere l’attenzione sempre alta, il nostro input da qua alla fine deve essere l’attenzione alta“.

 

Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

GRANDE GILA

Articoli correlati

777
I 777 avrebbero ricevuto l’interesse dell'imprenditore texano Bill Foley per l'acquisto dello Standard Liegi...
genoa
Amarcord: il 22 aprile 1900 il Genoa si aggiudicava il terzo scudetto della sua storia,...
ekuban
Caleb Ekuban ancora padre: il secondogenito si chiama Banjamin. Complimenti all'attaccante rossoblu da tutto il...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie