Calcio Genoa
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gilardino: “Si rosica tanto; Vitinha? È molto sensibile, se lo merita”

Il tecnico rossoblu Gilardino ha parlato in zona mista ai microfoni di Dazn nel post partita di Genoa-Monza 2-3

gilardino

Mister Alberto Gilardino ha parlato ai microfoni di Dazn nell’immediato post partita di GenoaMonza 2-3. Ecco le sue dichiarazioni.

SULLA PARTITA. “C’è incazzatura, rabbia, da parte mia e da parte della squadra, si rosica tanto. Giochi bene come a Milano, questa sera abbiamo perso un tempo perchè abbiamo lasciato troppo spazio al Monza e hanno fatto gol troppo facili. Nel secondo tempo abbiamo cambiato qualcosa a livello tattico e di interpreti, i ragazzi sono entrati con un altro piglio e sono stati molto bravi, hanno avuto la consapevolezza e il coraggio di andarla a riprendere. Però bisogna capire i momenti della gara, capire i tempi delle partite. Abbiamo giocato 4 giorni fa, stasera abbiamo speso tanto per andarla a riprendere, però la filosofia e il pensiero mio che cerco di esprimere è andarla a vincere, ci abbiamo provato sul 2-2 e l’abbiamo persa. È un percorso di maturazione che questa squadra ha fatto e deve continuare a fare, io in primis“.

SU VITINHA. “Vitinha è un giocatore forte, che ha 1 contro 1, stacco di testa, tiro di destro e sinistro. C’è voluto un po’ di tempo per inserirlo nei meccanismi e nel miglior modo nella squadra, stasera credo si sia visto il vero Vitinha, già a Milano aveva fatto vedere ottime cose. Normale che nell’equilibrio della gara e degli interpreti, farli giocare tutti insieme si può ma bisogna avere pazienza, bisogna fare punti per una salvezza matematica. Poi si potrà vedere tutto il reparto offensivo insieme. Però questa è anche una soluzione ad inizio gara. Lacrime dopo il gol? Ha una situazione familiare particolare, sinceramente sono felice per lui, perchè con la madre ha vissuto una situazione non semplice. Se lo merita, è un ragazzo molto sensibile, sempre zitto ma che va fortissimo negli allenamenti“.

SULL’EQUILIBRIO. “È quello a cui sono più affezionato e che cerco di trasmetere alla squadra. Troppo facili i gol presi, troppo facile la loro interpretazione. Poi nel secondo tempo il Genoa si è riacceso in modo magnifico. Questo deve essere il Genoa“.

GUDMUNDSSON-RETEGUI. “È un siparietto che fanno, l’avevano già fatto. Porta bene, ha fatto gol l’altra volta, l’ha rifatto questa volta qui. Il tiratore è Albert. È capibile, è normale che un attaccante voglia sempre fare gol“.

 

Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Tre pedine sbagliate… bisogna che inverti i tempi… troppo macchinosi e soliti cross. Più verticali devono fare. E anche ieri al 80 esimo abbiamo preso gol. Vedi te.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

🍐🍐🍐

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Attenzione il Verona a vinto a Lecce e 3 punti rosicchiati non siamo ancora salvi altro che divertirsi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Gilardino ha regalato un tempo al Monza non può intestardirsi sulla stessa formazione Vitiha non può restare in panchina, non vorrei che ci si dovesse pentire dei punti regalati via facendo, se ci risucchiano sotto rischiamo.
La prossima è la Juventus zero punti.
Cerca di meditare Gilardino.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Caro Gila ieri sera ai sbagliato partita .due partite zeo punti .

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Vitinha a differenza di Retegui, che gioca con le spalle alla porta, mi sembra più concreto.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

…però la formazione iniziale non mi è parsa molto azzeccata….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Facci un regalo vai a fare danni via da Genova grazie

Articoli correlati

777
I 777 avrebbero ricevuto l’interesse dell'imprenditore texano Bill Foley per l'acquisto dello Standard Liegi...
genoa
Amarcord: il 22 aprile 1900 il Genoa si aggiudicava il terzo scudetto della sua storia,...
ekuban
Caleb Ekuban ancora padre: il secondogenito si chiama Banjamin. Complimenti all'attaccante rossoblu da tutto il...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

Altre notizie